WIKIHORECA

Tutto quello che ti serve sapere sul mondo Horeca

La Birra, la sua storia e le sue vere origini

5000 anni di storia, un’evoluzione continua sino ai giorni nostri, percorriamo insieme di millennio in millennio il meraviglioso viaggio che la birra ha compiuto arrivando a noi.

 

La birra al tempo dei…

  • Sumeri

5000 anni fa furono i Sumeri i primi a lasciare testimonianza attraverso reperti oggi scoperti e studiati, a seguire furono gli Assiri che ne hanno lasciato traccia attraverso una tavoletta assira in cui si parlava addirittura del birraio come mestiere.

 

  • Babilonesi

In Babilonia vi erano 20 qualità di birra, era la bevanda prediletta del popolo e veniva usata anche durante riti religiosi per accompagnare idealmente il trapasso, garantendo un riposo tranquillo.

Fu però grazie alla diffusione della birra in Medio Oriente che oggi abbiamo iscrizioni chiare sulla sua produzione, si parla per la prima volta degli ingredienti come “pani di orzo germinati e cotti” che fornivano il malto che veniva sbriciolato e diluito in acqua, a questa fase succedeva quella della fermentazione alcolica spontanea e la trasformazione in Birra.

È emozionante pensare che tutto questo avveniva già migliaia di anni fa, e che vi erano già le differenze tra birre chiare, rosse e scure…

 

  • Egiziani

L’Egitto è la terra che maggiormente ha lasciato reperti archeologici che hanno dato l’opportunità di approfondire gli studi, riuscendo a scoprire anche il grado alcolico della bevanda nazionale egizia che era di 12 gradi ed era aromatizzata con i lupini. Gli egiziani svezzavano i bambini con birra diluita con acqua e miele, specie quando le mamme non riuscivano ad allattare.

 

  • Greci

Anche i Greci conoscevano e apprezzavano la birra e ne consumavano parecchia, soprattutto in occasione delle feste in onore di Demetra la dea delle messi.

 

  • Etruschi e Romani

Gli Etruschi furono i primi in Italia a produrre e bere birra, i Romani ne presero esempio importando anche famosi mastro birrai dalla Britannia.

 

  • Germani e Celti

Ora come allora, sia i Germani che i Celti furono i veri “appassionati” di birra, da essi sono nate leggende fantastiche, avendo come protagonista sia la birra che con la sua ricetta segreta per produrla.

 

  • Il Medioevo

Il Medioevo vide la nascita della birra d’Abbazia per merito dei monaci che operarono un decisivo salto di qualità nella produzione della bevanda, introducendo anche alcuni nuovi ingredienti, tra i quali il luppolo e l’aromatizzazione con erbe, spezie, bacche e cortecce d’albero.

La più antica “birreria” monastica è quella della abbazia di Weihehstephan, nei pressi di Monaco di Baviera, costruita nel 724. Anche le suore avevano tra i loro compiti manuali quello di fabbricare la birra, che in parte destinavano al consumo dei malati e dei pellegrini.

In Gran Bretagna la birra, chiamata “ale”, era tipicamente prodotta dalle massaie inglesi e messa a disposizione delle feste parrocchiali, dove veniva venduta a scopo di beneficenza per la manutenzione di chiese e conventi. In Inghilterra la birra diventò bevanda nazionale in quanto l’acqua usata per la sua produzione veniva bollita e sterilizzata, quindi la birra rappresentava una garanzia in un periodo in cui l’acqua era spesso infetta.

Nel 1516 in Baviera venne promulgato il Reinheitsgebot, l’editto sulla purezza. Per legge venne stabilito che la birra poteva essere prodotta solamente con malto d’orzo, acqua e luppolo, bandendo qualsiasi altro ingrediente: tale legge è tuttora vigente in Germania.

 

Dalla scoperta dell’America ad oggi ci sono state molte innovazione che hanno portato alla birra “moderna”, le più importanti sono state l’introduzione della bassa fermentazione e del Saccharomyces carlsbergensis, che prende il nome dalla birreria danese che per prima ne isolò il ceppo.

 

Nel prossimo Blog parleremo della tanto amata birra artigianale, buona lettura!



Hai bisogno di informazioni?